Accesso ai servizi

Lapide Thaon di Revel

Lapide Thaon di Revel


L’autore del proclama sotto riportato, scolpito su di una lapide che si trova sul muro di un cascinale di Cimena lungo la Strada Statale n° 590, è Paolo Thaon di Revel (Torino 1859 - Roma 1948), forse il personaggio più illustre che San Raffaele Cimena può annoverare, fra altri pur importanti esponenti della sua casata. Paolo Thaon di Revel trascorse la sua infanzia a Cimena nella sontuosa Villa Revel, oggi in territorio di Castagneto Po, dove viveva con la sua famiglia (del padre, conte Ottavio, Ministro delle Finanze del Regno di Sardegna e Sindaco di San Raffaele e Cimena dal 1852 al 1859, vi è un quadretto in Municipio) fino a quando entrò in Marina. Fatta una brillante carriera, giunse ad ottenere la carica di Capo di Stato Maggiore della Marina e Comandante in Capo delle forze navali mobilitate nel febbraio 1917, durante la Prima Guerra Mondiale, mantenendo tali incarichi fino al termine del conflitto. Annoverabile come uno degli artefici della Vittoria, Vittorio Emanuele III gli conferì nel 1923 il titolo di Duca del Mare. Ebbe anche numerosi incarichi politici. Le sue spoglie riposano a Roma nella Chiesa di Santa Maria degli Angeli accanto a quelle del Generale Armando Diaz, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito durante la Grande Guerra.